Guns N’ Roses (the first love never die)

Take me down to the paradise city where the glass are green and the girls are pretty

Così qualcuno cantava nella prima canzone rock che io abbia mai ascoltato in vita mia.

“Guns N’ Roses, ma chi cavolo sono?”. Questo ho pensato la prima volta che li ho ascoltati, un gruppo che era del tutto al di fuori del genere musicale che ascoltavo fino al quel momento (si lo so ho solo 23 anni, ma la musica non è un fatto di età ma di sensazioni).

Paradise city, una canzone che per me è diventata un simbolo; ero ancora piccolo e non capivo bene di che parlasse ma di certo sentivo quel suono della chitarra a volte pulito e a volte distorto, quella voce così roca ma comunque dolce in certi momenti, la batteria suonata da un cazzuto Adler che sicuramente era fatto dalla mattina alla sera e un basso che aveva un sound quasi punk.

Con questa canzone è nata la mia passione per quel gruppo che quando io ero appena nato esplodeva nel mondo dell’hard rock, un gruppo diverso dagli altri, se vogliamo un gruppo eterogeneo fatto da componenti che sembrava quasi non avessero nulla in comune, ma forse è proprio per questo che hanno avuto tutto quel successo. Non è nemmeno facile fare una “recensione” se così si può chiamare, ci sono talmente tante cose da dire che non basterebbe un libro, a partire dalla formazione dallo sgretolamento e dalla ri-formazione; probabilmente non saprei nemmeno utilizzare le parole giuste, quindi cercherò di parlarne con gli occhi di un tredicenne che li aveva scoperti quasi per caso, comprando un cd con una croce stampata sopra e cinque facce ai vertici.

Appetite for destruction, così si chiamava quel cd se non ricordo male, che a dir la verità nemmeno mi piaceva tutto, certe canzoni erano troppo cattive per me, come ad esempio la stessa welcome to the jungle (canzone che è diventata il loro simbolo). 

You know where you are?

Ero davvero un ragazzino che cercava un suo “stile” musicale e che voleva fare nuove esperienze. Solo dopo averlo ascoltato e riascoltato ho iniziato ad apprezzarlo e ad entrare nel giungla dei Guns N’ Roses, una giungla in cui c’erano esemplari assurdi come Axl Rose, un “bad boy” che si incazzava ad ogni concerto e che faceva molto spettacolo sul palco, insomma una prima donna, ma diavolo se lo faceva bene, lo faceva talmente bene che quando ero piccolo, nel giro di un anno dal primo ascolto di Appetite, avevo già tutti i cd e dvd di questo meraviglioso gruppo.

We been dancing with mr. Brownstone

Una canzone che mi ha sempre colpito, non per il suo significato in se (che non capivo all’inizio), ma per le movenze di un Axl nei suoi anni migliori, per come mandasse in fans in estasi totale mentre un assurdo Slash alla chitarra produceva dei suoni assurdi e distorti che facevano davvero passatemi il temine “godere” le orecchie di chi lo ascoltava. Già, perchè alla fine questo stupendo gruppo seppur avendo elementi come Steven, Duff, Izzy e i successivi Matt (batteria) e Gilby (chitarra) si basava su questi due componenti e il loro rapporto di amore/odio.

Molte volte guardando i loro live sembrava quasi si volessero rubare la scena a vicenda, ma andava bene, perchè così facendo riuscivano a fare ancora più clamore tra i loro fan.

Per tre anni io ho vissuto ascoltando e guardando solo questa band, non esisteva altra musica se non la loro, non c’èra nessuno migliore di loro (cosa che penso anche ora, parlando della scena hard rock). Mi sono messo a leggere libri, spulciare anche le più sconosciute canzoni che magari aveva suonato live una sola volta o che avrebbero voluto produrre Insomma, ero un Guns N’ Roses dipendente a tutti gli effetti.

Nothing lasts forever

even cold november rain

Purtroppo però quando io scoprì i guns, loro avevano già cessato di esistere, era una cosa che mi lasciava con l’amaro dentro perchè non avrei mai potuto ascoltare quella meravigliosa band dal vivo e vedere Axl con tutta la sua energia, Slash con il suo buffo cilindro, Matt con le sue movenze da pazzo alla batteria e Duff, il punk del gruppo; insomma, non avrei mai visto i Guns N’ Roses.

Tutto questo mi rendeva molto triste, non serve che io vi spieghi il perchè, chiunque potrebbe capirlo.

L’unica cosa che ho potuto fare è stat quella di andare al concerto dei Velvet revolver (dove suonavano matt, Slash e Duff) e successivamente a quello dei “nuovi Guns N’ Roses” come molti ormai li chiamano. Furono i primi due concerti della mia vita; nel 2005 vidi Slash e co. all’autodromo di Imola, un’esperienza davvero stupenda, avevo solo 15 anni e tutto quello che ricordo sono le ultime due canzoni da loro suonate, mr. Brownstone e It’s so easy, ero completamente rapito da quell’atmosfera, ma non era lo stesso senza Axl.

Così nel 2006 all’Idroscalo andai a vederlo con i suoi “nuovi Gn’R”. Sinceramente non so nemmeno come raccontare quell’esperienza, è stato il giorno più bello della mia vita, non esistevano note stonate, componenti mancanti o il caldo torrido che mi aveva ridotto in ginocchio, esisteva solo un uomo che con una semplice frase mi aveva fatto venire la pelle d’oca.

Do you know where the fuck you are?!

you’re in a jungle baby

you gonna die!

Tutti coloro che amano la musica come la amo io e che hanno un gruppo in particolare nel cuore sanno benissimo che non si possono descrivere quei momenti, si posso solo vivere.

Good Fucking Night!

Adesso, nel 2012 i Guns hanno ricevuto il loro posto nella hall of fame.

Ovviamente alla cerimonia Axl non si è presentato, ma va bene così, perchè lui è sempre stato questo e sempre lo sarà.

Grazie Guns N’ Roses

Immagine

10 Comments

  1. Pingback: se giulio88 smokes – i miei nuovi follower, n. 14 – 201. | Cor-pus

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...